Teniss stricc
ai volti c’un cènn.

Vardàss arétr
un edè vive’.
Sdrusola’ inal fond
e inal fond un remàss
e dimanda’
se i to occhi stracchi
adè se n’ènn iti
o ènn rèsti.
M’al sai di’?
Un edè vive’
figurass de troar
muri e ravai
c’un se pól balica’.
E infin

c’al sól

sirà diessù,

infin che piouerà,
e infin c’alla tonda
tutt arnascerà
e infin al fond

dù l’etern t’ardarà 

l’aria c’un hai.
Un edè vive’

vardàss arétr

e dimanda’
se i to occhi stracchi
adè se n’ènn iti
o ènn resti.
T’al so di'.

Vardàss Arétr

Tenersi stretti
ai volti che non ci sono.

Guardarsi indietro
non è vivere.
Scivolare sul fondo
e sul fondo non fermarsi
e domandare
se i tuoi occhi stanchi
adesso se ne sono andati
o sono rimasti.
Riesci a dirmelo?
Non è vivere
immaginarsi di trovare
muri e frane
che non possiamo superare.
E fino a che il sole sarà lassù,

fino a che pioverà,
e fino a che tutto intorno

nascerà di nuovo
e fino al fondo dove l’eterno
ti darà di nuovo

l’aria che non hai
Non è vivere guardarsi indietro

e domandare
se i tuoi occhi stanchi
adesso se ne sono andati
o sono rimasti.
Riesco a dirtelo.

Hold on tight
to the faces that are not here anymore.

Look back

is not living.
Slip to the bottom
and on the bottom don't stop
and ask
if your tired eyes
now they are gone
or remained.
Can you tell me?
It is not living
imagine finding
walls and landslides
that we cannot overcome.
And as long as the sun is up there,
as long as it will rains,
and until everything around
will be born again
and to the bottom where the eternal

will give you back the air
that you don't have
It is not living looking back
and asking
if your tired eyes
are now gone
or remained.
I can tell you.